Logo

I CONSIGLI DEGLI ESPERTI

Tante informazioni, curiosità e notizie per una vita serena con il tuo amico a quattrozampe

cani e gatti insieme

Cani e gatti insieme: come favorire una convivenza armoniosa

Cani e gatti insieme sotto lo stesso tetto? Per quanto possa sembrare strano, non è una situazione così inconsueta anzi, può essere un ottimo modo per garantire benessere ai nostri amici a quattrozampe soprattutto nei momenti di solitudine e quando siamo costretti a lasciarli soli a casa.

Naturalmente, molto dipende dal carattere, dalle abitudini, dagli stili di vita e persino dalla razza, anche se non è raro che possano nascere delle grandi e solide amicizie per tutta la vita. L’importante è creare un ambiente sereno e mettere in atto alcuni semplici comportamenti, affinché nasca una relazione pacifica e tranquilla tanto da renderli inseparabili.

cane e gatto insieme nel prato

Come si fa a far convivere cani e gatti insieme?

Cani e gatti sono creature molto diverse e con caratteristiche spesso diametralmente opposte, tuttavia possono trasformarsi in ottimi alleati imparando a convivere negli stessi spazi e a comprendersi a vicenda, pur esprimendosi con due linguaggi differenti e condividendo spazi ristretti, come capita spesso quando si vive in condominio.

Sicuramente è importante che, prima di incontrarsi, cani e gatti non abbiano avuto esperienze negative o abbiano subito traumi così forti da sviluppare ansia e paura, perché questo potrebbe rendere più difficile far accettare la presenza dell’altro animale, che verrebbe visto come un aggressore o un avversario da cui tenersi lontani.

Inoltre, prima di adottare un cane o un gatto è fondamentale informarsi dettagliatamente sulla sua indole e sui suoi atteggiamenti in modo da sapere come relazionarsi e organizzarsi correttamente, poiché molto dipende da chi è arrivato prima in casa e da quanto sia disposto ad accettare il nuovo arrivato nel suo ambiente.

In genere, i cani sono più propensi ad accogliere i gatti nella propria casa perché li considerano un nuovo membro del branco, mentre i gatti potrebbero non mostrarsi altrettanto felici e considerare i cani addirittura una minaccia per il controllo del proprio territorio.

cani e gatti insieme che dormono sul letto

Come far incontrare cani e gatti?

La situazione ottimale per far convivere cane e gatto insieme è senza dubbio farli incontrare sin da cuccioli, soprattutto perché non hanno ancora vissuto esperienze negative con altri animali e per loro è più facile accettarsi senza troppi problemi.

In ogni caso, far convivere cane e gatto è possibile anche se sono più adulti o anziani, in particolare se hanno già avuto la possibilità di socializzare con altri animali e non hanno sviluppato un forte senso di caccia, che potrebbe trasformare la convivenza in una continua rincorsa, a volte anche con aggressioni e atti violenti.

Altri elementi importanti di cui tenere conto nella scelta di vivere cani e gatti insieme sono la razza e il sesso dell’animale. Infatti, alcune razze di cani e di gatti sono più accondiscendenti di altre così come è più facile tenere insieme cani e gatti dello stesso sesso.

Dopo queste utili premesse, ciò che conta davvero quando si decide di tenere gatti e cani insieme in casa è procedere gradualmente e con cautela, rispettando le esigenze e gli spazi di entrambi senza forzature, ma anche senza troppe aspettative, dal momento che il processo di conoscenza e accettazione potrebbe presentare anche difficoltà impreviste e richiedere tempo per entrare in sintonia.

cane e gatto insieme in giardino

Come organizzare la casa per i primi incontri?

Gli ambienti della casa sono gli spazi che i cani e gatti insieme dovranno dividersi. Pertanto, come quando si introduce un secondo gatto in casa, si dovranno prevedere dei luoghi dedicati, dove riposarsi e rifugiarsi, ma anche delle aree comuni, in cui incontrarsi, conoscersi e giocare.

Di solito, nei primi giorni di convivenza, i gatti hanno bisogno di un angolo sicuro in cui rintanarsi, per cui può essere utile individuare una stanza riservata a loro e separata dai cani di cui possono avvertire la presenza, ma senza vederli. In questo modo, i felini possono imparare a percepire l’odore dei cani senza che possano rappresentare una minaccia per sé e per il proprio territorio.

Una volta che entrambi gli animali avranno imparato a riconoscersi attraverso l’odore, si potrà iniziare a farli incontrare, montando delle barriere di sicurezza, in modo che possano vedersi, ma senza toccarsi e distraendoli con un gioco se dovessero dare segni di insofferenza o disturbo.

Se cani e gatti insieme si mostrano tranquilli, il passo successivo è farli abituare a stare nella stessa stanza, lasciando libero il gatto e tenendo il cane al guinzaglio con un collare o una pettorina per controllare eventuali sue reazioni negative.

Infine, quando cani e gatti insieme dimostrano di essere perfettamente a loro agio, si possono lasciare liberi di avvicinarsi e conoscersi con i loro tempi, ma senza mai perderli di vista. Infatti, il cane dovrà essere educato a non considerare il gatto come un giocattolo o una possibile preda, così come il gatto dovrà accettarlo come parte della sua vita e del suo territorio.

cani e gatti insieme

Cosa fare quando cani e gatti vivono insieme?

Dopo un primo periodo di conoscenza reciproca, cani e gatti insieme possono iniziare una convivenza felice e duratura, a patto che vengano rispettati alcuni semplici accorgimenti.

Per quanto riguarda le ciotole del cibo e dell’acqua, è sempre bene posizionarle in due luoghi distinti della casa o del giardino e, se possibile, dare da mangiare ai cani e ai gatti in due momenti diversi in modo che entrambi possano godersi il momento del pasto in totale tranquillità. Bisogna anche fare attenzione che il cane non mangi il cibo per gatti, sicuramente più saporito, ma anche dannoso per la sua salute.

La casa va tenuta sempre molto pulita per evitare che possano propagarsi agenti patogeni e la lettiera del gatto va posizionata in modo che sia inaccessibile al cane, sia per rispetto della sua privacy sia perché il cane potrebbe ingerire le feci del gatto e contaminarsi con pericolosi parassiti intestinali.

Non da ultimo, sia i cani sia i gatti hanno bisogno di attenzioni e gratificazioni, in particolare nel momento in cui si comportano in modo adeguato e riescono a coabitare senza gelosie o comportamenti aggressivi, perciò non bisogna far mai mancare coccole e carezze.

Quanto tempo ci vuole perché cani e gatti vadano d’accordo?

Stabilire a priori in quanto tempo i cani e i gatti andranno d’accordo è davvero molto difficile. In genere, il processo di conoscenza dura all’incirca due o tre settimane, ma non è sicuramente facile capire dalle loro interazioni se sarà un’amicizia duratura e per tutta la vita.

Come in tutte le relazioni, ci vuole tempo e molta pazienza, ma saranno ottimi segnali quando cani e gatti insieme:

  • Avranno piacere a giocare e a passare del tempo in compagnia
  • Si rannicchieranno l’uno contro l’altro per riposarsi e dormire
  • Non vorranno mai lasciare solo il proprio compagno di giochi
  • Inizieranno a condividere tranquillamente tutto, compresa la lettiera.

Al contrario, potrà anche succedere che cani e gatti insieme non avranno mai un bel rapporto fino ad arrivare ad ignorarsi a vicenda, ma andranno anche educati a non aggredirsi e “sopportarsi” vicendevolmente, così come potrebbe nascere una straordinaria amicizia piena di affetto e rispetto reciproco. In caso di difficoltà, è molto utile chiedere consiglio a un educatore cinofilo o al proprio veterinario di fiducia.

Vorresti ADOTTARE UN CANE o UN GATTO per farlo vivere insieme al tuo attuale amico a quattro zampe? Molti degli ospiti delle strutture che collaborano con il nostro motore di ricerca sono adatti a condividere gli spazi di una casa con altri cani o gatti. Contatta i nostri volontari e trova con noi la compagnia perfetta per tutti i membri della tua famiglia!

Loredana Verga
Author: Loredana Verga

Le informazioni presenti su www.quattrozampeinfamiglia.it sono fornite allo scopo di integrare, non sostituire, le indicazioni del veterinario e del professionista di riferimento.

Condividi

Categorie

Altri articoli